Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 25 settembre 2022

IMPRESA

Poteri «para commissariali» per l’organismo di composizione della crisi

Nel concordato minore il giudice può nominare un commissario giudiziale che sostituirà nelle proprie funzioni l’OCC

/ Tania STEFANUTTO

Mercoledì, 17 agosto 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il Codice della crisi delinea un ruolo da protagonista per l’OCC, arrivando sino a prevedere che quest’ultimo sia l’unico soggetto titolato al deposito delle domande di accesso alla procedura di ristrutturazione del debito e di concordato minore, ma getta dubbi sulla sua terzietà quando ne prevede la sostituzione con il commissario giudiziale.

Negli artt. dal 65 all’83 del DLgs. 14/2019 l’OCC è individuato come “uno e trino”: è pseudo-procuratore nel deposito della domanda, è commissario giudiziale de facto (vigilando e relazionando sull’andamento dell’esecuzione del piano), è “attestatore ombra” (dovendo valutare la convenienza del concordato rispetto alla soluzione liquidatoria (art. 70 comma 2 lett. d del DLgs. 14/2019).
L’OCC ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU