ACCEDI
Martedì, 25 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Cataldi: «I giovani vogliono più ascolto»

Nel corso del Congresso di Caserta, il Presidente dell’UNGDCEC parla di semplificazione fiscale, codice deontologico e riforma del DLgs. 139/2005

/ Savino GALLO

Venerdì, 12 aprile 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Futuro, ricambio generazionale, eccessive responsabilità, remunerazione adeguata, riserve, rispetto. Mentre Francesco Cataldi apriva ufficialmente i lavori del 61° Congresso nazionale dell’Unione giovani commercialisti, in corso di svolgimento a Caserta, queste parole chiave si susseguivano sul maxi-schermo posto alle spalle del podio, racchiudendo tutto il senso di un discorso che ha toccato tanti temi: dalla semplificazione fiscale al rapporto tra Fisco e contribuenti, dalle iniziative per far ritrovare appeal alla categoria al nuovo codice deontologico, passando per la riforma della legge ordinamentale.

Tutte questioni su cui i giovani vogliono essere “attori protagonisti”, mettendo in campo “azioni concrete”, come la recente iniziativa “Obiettivo Uni.co”,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU