ACCEDI
Martedì, 28 maggio 2024 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Licenziamento del dirigente ingiustificato se è violato il diritto di difesa

Le garanzie procedimentali di cui all’art. 7 commi 2 e 3 della L. 300/70 si applicano anche ai dirigenti

/ Giada GIANOLA

Venerdì, 19 aprile 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte d’Appello di Roma, con la sentenza n. 1294/2024, si è pronunciata sul licenziamento di un dirigente irrogato in violazione del diritto del lavoratore di essere sentito a sua difesa ai sensi dell’art. 7 comma 2 della L. 300/70, statuendo che, in tal caso, il recesso debba considerarsi ingiustificato, con applicazione della disciplina contrattuale dell’indennità supplementare.

Sull’applicabilità delle garanzie procedimentali fissate ai commi 2 e 3 di tale norma anche nelle ipotesi di licenziamento dei dirigenti non vi sono particolari dubbi.
In merito si precisa che le stesse Sezioni Unite, con la sentenza n. 7880/2007, hanno confermato l’estensione dell’iter procedurale previsto dall’art. 7 dello Statuto dei lavoratori (quindi delle regole procedurali ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU