ACCEDI
Sabato, 25 maggio 2024 - Aggiornato alle 6.00

CONTABILITÀ

Con l’assegnazione agevolata, la plusvalenza spinge l’utile di bilancio

In Nota integrativa devono essere fornite indicazioni anche sulle cessioni di immobili ai soci

/ Francesco DE ROSA

Giovedì, 18 aprile 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Quando il valore del bene assegnato ai soci è superiore al valore contabile, se la contabilizzazione è stata effettuata secondo le indicazioni fornite dal CNDCEC nel documento del 14 marzo 2016 “L’assegnazione dei beni ai soci: trattamento contabile e profili operativi”, si registra una plusvalenza nel Conto economico dell’esercizio.
Ne sono interessati molti bilanci che sono in approvazione in questo periodo, considerato il notevole ricorso alle assegnazioni, in particolare di immobili, favorito dalle agevolazioni concesse dall’art. 1 commi 100-105 della L. 197/2022.

La plusvalenza che si registra con queste operazioni nasce dalla differenza tra il valore contabile e il valore di assegnazione del bene, laddove il secondo è quello che i soci attribuiscono al bene

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU