ACCEDI
Mercoledì, 29 maggio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

L’amministratore risarcisce il deficit fallimentare se mancano le scritture contabili

L’inadempimento deve però essere astrattamente idoneo a causare un danno di tale entità

/ REDAZIONE

Mercoledì, 17 aprile 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Cassazione, nell’ordinanza n. 10198, depositata ieri – con riguardo a una fattispecie verificatasi sotto la vigenza della disciplina anteriore alla riforma del diritto societario del 2003 – ha ribadito alcuni importanti principi in materia di criteri di quantificazione del danno cagionato alla società da atti di mala gestio degli amministratori e, in particolare, dalla illegittima prosecuzione dell’attività sociale a seguito dell’avvenuto verificarsi della causa di scioglimento della società in conseguenza della perdita del capitale sociale.

Nello specifico, si è sottolineato che, laddove l’azione di responsabilità promossa dal curatore fallimentare nei confronti degli amministratori si fondi sulla violazione, da parte di questi ultimi, del divieto di intraprendere ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU