ACCEDI
Mercoledì, 29 maggio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Perdite da cessione pro soluto del credito alla prova dell’inerenza

Se il credito è cancellato dal bilancio perché sono trasferiti tutti i rischi, la perdita dovrebbe essere comunque deducibile

/ Luca FORNERO

Sabato, 20 aprile 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la recente sentenza n. 8714/2024, la Corte di Cassazione è tornata a occuparsi del tema della deducibilità, ai fini IRES, delle perdite su crediti a seguito della cessione pro soluto del credito medesimo.

In particolare, secondo i giudici di legittimità, la cessione pro soluto di un credito ritenuto inesigibile produce una perdita deducibile soltanto se il contribuente è in grado di dimostrare “elementi certi e precisi” (ex art. 101 comma 5 del TUIR) che non si esauriscano, nel contempo:
- nella pattuizione di un corrispettivo inferiore al valore nominale del credito ceduto;
- nella perdita emergente dalla cessione in sé considerata.

Occorre, infatti, provare altresì le circostanze che hanno indotto all’operazione e al conseguente recupero solo parziale del valore nominale ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU