ACCEDI
Mercoledì, 19 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Anche le comunicazioni preventive superbonus senza remissione in bonis

L’omessa trasmissione della comunicazione preventiva per il monitoraggio della spesa può determinare la decadenza dall’agevolazione fiscale

/ Enrico ZANETTI e Arianna ZENI

Martedì, 21 maggio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 3 del DL 39/2024 ha introdotto, al fine di acquisire le informazioni necessarie per il monitoraggio dell’andamento della spesa pubblica, un nuovo obbligo di comunicazione “preventiva” dei dati relativi agli interventi di efficientamento energetico e/o di riduzione del rischio sismico le cui spese sono destinate a essere agevolabili con il superbonus di cui all’art. 119 del DL 34/2020.

L’obbligo di comunicazione preventiva a fini di monitoraggio grava:
- sia sui soggetti che hanno presentato la CILA-S di cui al comma 13-ter dell’art. 119 del DL 34/2020 (o la richiesta del diverso titolo abilitativo necessario per gli interventi di demolizione e ricostruzione) prima del 1° gennaio 2024, senza aver ancora concluso i lavori entro il 31 dicembre 2023; ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU