ACCEDI
Sabato, 20 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Credito da «super ACE» senza obbligo di visto di conformità

/ REDAZIONE

Sabato, 22 giugno 2024

x
STAMPA

Con la risposta a interpello n. 139, pubblicata ieri, 21 giugno 2024, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che l’utilizzo in compensazione del credito da “super ACE”, di cui all’art. 19 del DL 73/2021, non è soggetto all’obbligo di apposizione del visto di conformità sulla dichiarazione dei redditi in cui è indicato tale credito (nel quadro RS).

Ai sensi dell’art. 1, comma 574, della L. 147/2013, l’obbligo di apposizione del visto di conformità sulla dichiarazione riguarda “tutti i crediti d’imposta il cui presupposto sia riconducibile alle imposte sui redditi e relative addizionali” (circ. Agenzia delle Entrate 25 settembre 2014 n. 28), che emergono dalla dichiarazione e che vengono utilizzati in compensazione nel modello F24, ai sensi dell’art. 17 del DLgs. 241/97, per importi superiori a 5.000 euro annui.

Nella risposta di ieri, viene però chiarito che:
- il credito da “super ACE” è una agevolazione il cui presupposto non è direttamente riconducibile alle suddette imposte;
- l’indicazione del credito in parola nella dichiarazione dei redditi è funzionale all’attività di controllo, ma non anche costitutiva del diritto.

TORNA SU