ACCEDI
Mercoledì, 24 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Nuovo schema di convenzione per la raccolta e la trasmissione dei modelli RED e SOLLECITI

/ REDAZIONE

Mercoledì, 10 luglio 2024

x
STAMPA

Con il messaggio n. 2563 di ieri, l’INPS informa dell’adozione dello schema di convenzione tra lo stesso Istituto e i soggetti abilitati all’assistenza fiscale per l’affidamento e la disciplina del servizio di raccolta e trasmissione delle dichiarazioni delle situazioni reddituali (modelli RED) e delle dichiarazioni di responsabilità (modello ACC.AS/PS), al fine della corretta erogazione delle prestazioni previdenziali e/o assistenziali.

In particolare, la convenzione in argomento si riferisce alle:
- campagne RED ordinarie 2024 (anno reddito 2023) e 2025 (anno reddito 2024), con cui i soggetti beneficiari di prestazioni previdenziali o assistenziali comunicano i redditi che incidono sulle prestazioni in godimento;
- solleciti 2023 (anno reddito 2022) e solleciti 2024 (anno reddito 2023), con cui i soggetti che non hanno adempiuto all’obbligo di dichiarazione nel corso della verifica ordinaria 2023 e 2024 (cosiddetti “sollecitati”) devono produrre la dichiarazione rispettivamente per l’anno reddito 2022 e per l’anno reddito 2023;
- INV CIV ordinarie 2024 e 2025, con cui l’Istituto richiede ai soggetti beneficiari di pensione sociale, assegno sociale o assegno sociale sostitutivo di invalidità civile la comunicazione di permanenza nel territorio dello Stato al fine della verifica del diritto alle citate prestazioni (Modello ACC.AS/PS).

I soggetti interessati alla sottoscrizione della convenzione potranno rivolgersi alla Direzione centrale organizzazione e comunicazione – Area relazioni e sinergie con i partner istituzionali, all’indirizzo mail: Convenzioni.CAF@inps.it.
Le istanze di convenzionamento potranno essere formalizzate entro e non oltre il 31 dicembre 2024 (tale termine è da intendersi come perentorio).

Il servizio viene affidato in via non esclusiva. Per presentare le dichiarazioni reddituali e di responsabilità continueranno a essere a disposizione dei cittadini il Contact Center, i servizi on line INPS e le Strutture territoriali dell’Istituto.

TORNA SU