X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 23 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Nelle fusioni, capitale sociale libero

/ Enrico ZANETTI

Lunedì, 22 marzo 2010

Il capitale sociale della società incorporante o risultante da una fusione non deve essere necessariamente determinato in misura non inferiore alla sommatoria dei capitali sociali delle società che partecipano alla fusione (ossia: le società incorporate e la società incorporante, nel caso di fusione per incorporazione; le società fuse nel caso di fusione propria).

Il fatto che, in presenza di una fusione per incorporazione, il capitale sociale post fusione della società incorporante possa risultare inferiore, rispetto alla sommatoria dei capitali sociali ante fusione dell’incorporante medesima e dell’incorporata, rappresenta una eventualità che è nella fisiologia del sistema, il quale tutela in ogni caso gli interessi dei terzi creditori con il diritto all’opposizione nei sessanta

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU