X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 6 aprile 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Immobili all’estero, partono le comunicazioni ai contribuenti

Sotto la lente gli immobili in Francia e Gran Bretagna

/ Gianluca ODETTO

Giovedì, 25 marzo 2010

Con il comunicato stampa diramato il 24 marzo 2010, l’Agenzia delle Entrate ha annunciato l’invio di 6.000 lettere ai contribuenti italiani che, in base alle informazioni desunte dalle Amministrazioni fiscali francese e britannica, risultano in possesso di immobili in Francia e Regno Unito.

Benchè la circostanza non sia esplicitata dal comunicato, si tratta chiaramente di dati ottenuti nell’ambito della procedura di scambio di informazioni finalizzate al contrasto dell’evasione e delle frodi fiscali codificata nell’art. 27 delle Convenzioni stipulate dall’Italia con questi Stati.
Più in particolare, le comunicazioni riguardano i contribuenti che risultano proprietari di immobili nel Dipartimento delle Alpi Marittime (che comprende la Costa Azzurra sino al tratto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU