X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

CONTABILITÀ

Rivalutazione degli immobili e ammortamenti nel bilancio 2009

Le imprese che hanno deciso di beneficiarne nel 2008 dovranno gestire il disallineamento per almeno un quinquennio

/ Salvatore SANNA

Martedì, 13 aprile 2010

x
STAMPA

Le imprese che hanno deciso di beneficiare della rivalutazione dei beni immobili nel 2008 si trovano a gestire all’interno del bilancio 2009 il disallineamento tra gli ammortamenti stanziati in bilancio e quelli riconosciuti ai fini fiscali.

Il regime previsto dall’art. 15 co. 16-23 del DL 185/2008 (conv. L. 2/2009), infatti:
- lasciava aperta la strada ad una rivalutazione con efficacia solo civilistica;
- consentiva di effettuare una rivalutazione con efficacia “differita” ai fini fiscali attraverso il versamento dell’imposta sostitutiva dovuta.
Per conferire efficacia anche ai fini fiscali ai maggiori valori iscritti in bilancio, era necessario versare un’imposta sostitutiva dell’IRES, dell’IRAP e delle eventuali addizionali in misura pari:
- al ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU