Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 11 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Nessun limite ai motivi di appello dell’ufficio per le cartelle di pagamento

L’appello può riguardare anche questioni relative alla cartella

/ Alfio CISSELLO

Martedì, 13 aprile 2010

x
STAMPA

È ammissibile l’appello dell’ufficio avverso una sentenza che abbia accolto il ricorso del contribuente proposto avverso una cartella di pagamento ove il gravame concerna non solo questioni relative al ruolo, ma anche censure sulla cartella stessa.
Questo è il principio enunciato dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 6756 del 19 marzo 2010, in cui viene data continuità all’orientamento, consolidatosi a seguito della famosa sentenza delle Sezioni Unite n. 16412/2007, in virtù del quale, essendo l’ufficio il solo titolare della pretesa impositiva, non sussiste alcun litisconsorzio necessario tra quest’ultimo e l’Agente della Riscossione.

Così, viene ritenuta illegittima la declaratoria di inammissibilità dell’appello sulla base del difetto di legittimazione, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU