X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Dopo la cancellazione niente più accertamenti intestati alla società

/ Floriana GASPARRINO

Giovedì, 15 aprile 2010

x
STAMPA

A seguito dell’interpretazione fornita dalla Corte di Cassazione a Sezioni Unite con la sentenza n. 4062 del 2010, la cancellazione di una società dal Registro delle imprese sia per quanto riguarda le società di persone, sia per quelle di capitali, comporta che la notifica degli atti, ai fini della loro validità, debba avere come destinatari i singoli soci o i liquidatori, e non più la società.

I giudici della Suprema Corte sono pervenuti a tale soluzione sulla base dell’assunto secondo il quale il DLgs. n. 6 del 2003, modificando l’art. 2495 del codice civile, ha voluto stabilire che la cancellazione di una società dal Registro delle imprese comporta che l’estinzione della stessa ha efficacia “costitutiva”, anche se sono ancora in piedi rapporti giuridici. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU