X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Sull’IVA degli immobili spiragli dalla Corte UE

/ Lelio CACCIAPAGLIA e Patrizia MARRA

Lunedì, 19 aprile 2010

x
STAMPA

Come evidenziato in un precedente intervento, la normativa Iva nazionale prevede che la detraibilità dell’Iva sia preclusa ove l’immobile abbia una categoria catastale abitativa. Peraltro, è stata giustamente richiamata la ris. 8 aprile 2009 n. 99/E, la quale ha ritenuto indetraibile l’IVA assolta in relazione ai lavori di ristrutturazione sostenuti per la trasformazione di una unità immobiliare abitativa in unità immobiliare ad uso ufficio (A/10). In definitiva, per l’Amministrazione finanziaria quel che conta è la categoria catastale a prescindere dalla circostanza che l’immobile sia destinato ai fini imprenditoriali ovvero professionali.

In senso esattamente opposto vi è però la sentenza della Corte di giustizia del 21 aprile 2005, nella Causa ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU