X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 novembre 2021

IL CASO DEL GIORNO

Per i beni immateriali dei professionisti vale il criterio di cassa

/ Alessandro COTTO

Venerdì, 21 maggio 2010

x
STAMPA

Anche nell’attività dei professionisti, i beni immateriali, quelli cioè caratterizzati dall’intangibilità e dalla loro utilità pluriennale, hanno assunto nel tempo un ruolo crescente. Così sempre più spesso accade di imbattersi in questioni concernenti l’acquisto del marchio di uno studio professionale, l’acquisto della clientela, per non parlare poi del software, elemento imprescindibile nello svolgimento dell’attività di un professionista.

Tale radicale mutamento non è stato percepito dal legislatore fiscale che, nella determinazione del reddito di lavoro autonomo, non ha previsto una specifica disposizione diretta alla deduzione dell’ammortamento dei beni immateriali.
L’art. 54 del TUIR, comma 2, dispone che per i beni strumentali per l’esercizio ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU