X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 6 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Redditometro più incisivo, ma con oneri deducibili «al seguito»

Lo scostamento dovrà essere del 20% anche per un solo anno

/ Alfio CISSELLO e Carlo NOCERA

Lunedì, 23 agosto 2010

x
STAMPA

La legittimità dell’accertamento sintetico, sia nel “nuovo” sistema che in quello attuale, è subordinata, come noto, ad uno scostamento tra reddito accertato e reddito dichiarato.

Con l’articolo 38 del DPR 600/73 vigente per gli accertamenti esperibili sino al periodo d’imposta 2008, lo scostamento deve essere del 25%, e va raffrontato, secondo l’opinione della Corte di Cassazione (sentenza n. 21932 del 2007), tra quanto accertato dall’Ufficio e quanto dichiarato al netto degli oneri deducibili ex art. 10 del TUIR, posto che occorre vagliare due valori omogenei (il reddito determinato in via sintetica è di per sé un reddito netto):  inoltre, se la rettifica è basata sul redditometro, lo scostamento deve registrarsi per almeno due periodi d’imposta,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU