X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 28 marzo 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

IMU «leggera» sui fabbricati destinati alla vendita

La bozza di DL sulle liberalizzazioni prevede che i Comuni possano ridurre l’aliquota di base fino allo 0,38%

/ Antonio PICCOLO

Martedì, 24 gennaio 2012

I Comuni possono decidere se ridurre o meno il peso dell’IMU sui fabbricati costruiti e destinati dalle imprese costruttrici alla vendita. L’eventuale riduzione consiste nell’abbassare l’aliquota di base (7,6 per mille) fino allo 0,38% (3,8 per mille). Lo stabilisce la bozza di DL sulle liberalizzazioni che, con un art. rubricato “Norma nel settore edilizio”, ha novellato la disciplina dell’IMU “sperimentale”. Infatti, il comma 1 di tale art. ha introdotto nell’art. 13 del DL n. 201/2011 (conv. L. n. 214/2011) il comma 9-bis, che prevede il trattamento di favore per le imprese che hanno per oggetto l’attività di costruzione e vendita di fabbricati. Più precisamente la novella stabilisce in sostanza che: i Comuni possono ridurre ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU