X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LETTERE

A quanto pare, siamo il Paese delle patate fritte surgelate

Mercoledì, 3 ottobre 2012

x
STAMPA

Gentile Redazione,
perdonate la banalità, ma sarà il periodo di post trasmissione telematica delle dichiarazioni e di probabile pre inoltro telepatico di tutto il resto che mi spinge a scrivere.

Nel quotidiano di oggi (ieri, ndr) trovo, quasi affiancate, due notizie di pari peso e interesse: i temi del prossimo congresso sul “Commercialista che verrà” e la tanto attesa conferma che l’IVA sul tubero fritto, ma senza impure spezie, è del 4% (si veda “IVA del 4% sulle cessioni di patate prefritte surgelate” del 2 ottobre 2012).

Devo ammettere che ho letto l’intervento di normativa gastronomico-tributaria solo perché, dal titolo, pensavo si trattasse di un altro acuto editoriale del Direttore, che non manca mai di una dose di sapiente ironia. Invece è tutto vero: ci sono volute due Agenzie statali, che hanno prodotto un parere tecnico e una risoluzione di quattro pagine, non so con quale dispendio di uomini e mezzi, per sancire che solo le patate pure, benché surgelate e fritte, godono di IVA ridotta. Le loro cugine, colpevoli di essersi speziate per stimolare i più bassi istinti dei loro estimatori, non sono così evidentemente meritevoli, pur rimanendo nell’alveo degli alimenti (10%) e non in quello dei cosmetici.

Beninteso, i risvolti economici e finanziari possono essere rilevanti per chi opera nel settore, e per i consumatori stessi, ma mi chiedo: come potrà mai essere competitivo un Paese dove energie e risorse delle aziende sono dirottate, da un Legislatore incapace e dal suo braccio operativo non sempre all’altezza, ad inseguire norme astruse, tortuose e proprio per questo foriere di errori? E quale speranza di successo abbiamo noi, che ci ostiniamo a ragionare nei convegni su temi come “fare impresa”, “continuità aziendale” e “diritto d’impresa”?

Ciononostante, come diceva un comico, “è meglio soffrire che essere soffritti”.


Mauro Marelli
Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Como


***


Caro Collega,
quanto ad ironia non ne difetti certamente anche tu.
E meno male.
Una risata, prima o poi, li seppellirà.


Enrico Zanetti
Direttore Eutekne.Info

TORNA SU