X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Nomina liquidatori, tra volontaria giurisdizione e rito contenzioso

/ Francesca TOSCO

Sabato, 6 ottobre 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nell’ambito del procedimento di liquidazione di una società, al fine di supplire all’omissione dei soci o dei competenti organi societari, è possibile ottenere la nomina giudiziale dei liquidatori, in camera di consiglio, con provvedimento di volontaria giurisdizione, anche in presenza di contrasti sull’effettiva esistenza della causa di scioglimento. È questo l’orientamento giurisprudenziale che risulta maggioritario sulla questione.

Non sono mancate, però, anche di recente, pronunce di segno contrario, con il conseguente ridelinearsi del contrasto interpretativo sorto prima della riforma di cui al DLgs. 6/2003, sul quale erano intervenute, aderendo all’impostazione sopra riportata, le stesse Sezioni Unite della Cassazione (n. 9231/2002 e n. 11104/2002). Con riguardo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU