X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Neutralità dubbia con la cessione dei singoli beni dell’azienda donata

/ Alessandro COTTO

Martedì, 6 novembre 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il nostro sistema impositivo, da tempo, riconosce un regime di neutralità nel caso di donazione d’azienda, a prescindere dalla natura del beneficiario (che può anche non essere un familiare) e dal fatto che sia proseguita o meno l’attività.
L’art. 58 comma 1 del TUIR dispone, infatti, che:
- il trasferimento di azienda per causa di morte o per atto gratuito non costituisce realizzo di plusvalenze dell’azienda stessa;
- l’azienda è assunta ai medesimi valori fiscalmente riconosciuti nei confronti del dante causa.

In altri termini, la disciplina in vigore, con l’evidente intento di agevolare il passaggio generazionale delle aziende, consente di sospendere la plusvalenza latente in capo al soggetto donante fino al momento in cui l’azienda o i singoli ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU