X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 21 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Nell’accertamento sintetico le indagini finanziarie individuano le «spese»

Il riferimento, nella nuova normativa, è alle spese di qualsiasi genere sostenute nel periodo d’imposta

/ Michele IAVAGNILIO

Martedì, 22 gennaio 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’utilizzo delle indagini finanziarie, “poste a base delle rettifiche ed accertamenti” ex art. 32, comma 1, n. 2) del DPR n. 600/1973, presenta alcune complessità laddove l’Amministrazione finanziaria proceda ad un accertamento di tipo sintetico ex art. 38, comma 4 e ss., del medesimo decreto. Tale ultima disposizione, sia nella versione applicabile agli accertamenti fino al periodo d’imposta 2008, sia nella versione attualmente vigente, modificata dall’art. 22 del DL n. 78/2010, distingue tra accertamento sintetico “puro” e accertamento “redditometrico”, quest’ultimo basato su elementi indicativi di capacità contributiva determinati da apposito decreto ministeriale.

Per quanto riguarda il sintetico puro, la versione dell’art. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU