X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La cessione intracomunitaria può essere provata con apposite clausole contrattuali

La soluzione di Assonime è idonea a dimostrare la buona fede del cedente, ma presuppone un potere contrattuale che hanno solo le imprese più grandi

/ Marco PEIROLO

Martedì, 2 luglio 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

La circolare Assonime n. 20 del 1° luglio 2013 esamina la prova delle cessioni intracomunitarie, in riferimento al presupposto della movimentazione dei beni dal Paese di origine a quello (diverso) di destinazione.

Le incertezze nell’individuazione degli elementi di prova sono dovute al mancato esercizio, da parte del legislatore nazionale, della facoltà contemplata dall’art. 131 della Direttiva n. 2006/112/CE, secondo cui spetta agli Stati membri determinare le condizioni per assicurare la corretta applicazione della non imponibilità prevista per tali operazioni e prevenire possibili abusi.
In assenza di una disciplina normativa in materia, assumono pertanto un’evidente rilevanza gli orientamenti della giurisprudenza e della prassi amministrativa.

Dall’analisi delle pronunce ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU