X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 21 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Assunzione di apprendisti in mobilità, dopo 18 mesi contributi «ordinari»

Scaduto il periodo agevolato, il datore deve versare la contribuzione piena indipendentemente dal periodo di apprendistato previsto in contratto

/ Francesca TOSCO

Mercoledì, 24 luglio 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’INPS, con il messaggio n. 11761/2013, ha fornito precisazioni in ordine al regime contributivo applicabile in caso di assunzione come apprendisti di lavoratori iscritti alle liste di mobilità, confermando che, al termine del periodo agevolato massimo di 18 mesi, il datore di lavoro è tenuto a versare la contribuzione in misura piena, indipendentemente dalla durata del periodo di apprendistato previsto in contratto.

Al riguardo, va ricordato che l’art. 7, comma 4 del DLgs. 167/2011 (c.d. T.U. dell’apprendistato) ha introdotto la possibilità di assumere in apprendistato lavoratori in mobilità, ai fini della loro qualificazione o riqualificazione professionale. Tale disposizione ha rappresentato una novità rispetto al passato: con essa, il legislatore ha inteso apprestare un ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU