Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 1 luglio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Anche la mancata riscossione di crediti integra la bancarotta per distrazione

La Corte di Cassazione fornisce una nozione ampia di patrimonio, comprensivo sia di beni materiali che immateriali, quali le ragioni di credito

/ Maurizio MEOLI

Venerdì, 26 luglio 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

La nozione giuridica di patrimonio, il cui depauperamento è apprezzabile ai fini della configurazione della bancarotta fraudolenta patrimoniale, è da intendersi in senso lato, comprensivo cioè non solo di beni materiali, ma anche di entità immateriali, quali le ragioni di credito che avrebbero dovuto concorrere alla formazione dell’attivo del compendio patrimoniale.

A stabilirlo è la Corte di Cassazione, nella sentenza 25 luglio 2013 n. 32469, da segnalare anche per ulteriori profili.
La Suprema Corte, infatti, riproponendo un consolidato orientamento, ricorda come, a fronte del dato oggettivo dell’ammanco di beni (ad esempio, liquidità di cassa o attrezzature varie), che dovrebbero figurare nella disponibilità della società fallita, spetti all’imputato rendere spiegazioni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU