X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

IMPRESA

Omesso versamento per mancanza di liquidità in cerca di soluzione

Dopo le sentenze delle Sezioni Unite, gli spiragli per escludere in via interpretativa la punibilità appaiono eccessivamente ristretti

/ Maurizio MEOLI

Venerdì, 20 settembre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Come già più volte evidenziato su Eutekne.info, le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, nelle sentenze n. 37424 e 37425 del 12 settembre, oltre a dichiarare applicabili le fattispecie di omesso versamento dell’IVA e di ritenute certificate, rispettivamente, all’IVA relativa al 2005 ed alle ritenute del 2004, hanno anche decretato, in contrasto con sempre più numerose decisioni di merito, l’irrilevanza ai fini dell’integrazione delle ricordate fattispecie delle situazioni di mancanza di liquidità.

Secondo i giudici di legittimità, in particolare, ogni qualvolta il soggetto d’imposta effettua operazioni imponibili riscuote(rebbe) già (dall’acquirente del bene o del servizio) l’IVA dovuta e deve, quindi, tenerla accantonata per l’Erario, organizzando

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU