X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 17 gennaio 2021

FISCO

Adempimenti fiscali dilazionabili in presenza di crediti certificati verso la P.A.

La misura, finalizzata a potenziare la competitività delle imprese, sarebbe contenuta nell’ultima bozza del decreto «Fare-bis»

/ REDAZIONE

Mercoledì, 25 settembre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Per il 2013 e il 2014, alle imprese titolari di crediti non prescritti, certi, liquidi ed esigibili, per somministrazione, forniture, appalti e servizi, anche professionali, maturati nei confronti della Pubblica Amministrazione e certificati secondo le modalità previste dai decreti del Ministro dell’Economia e delle finanze 22 maggio 2012 e 25 giugno 2012, potrebbe essere data la possibilità di differire, entro l’anno finanziario in corso, i debiti fiscali in misura pari a tali crediti.

La disposizione, contenuta nell’ultima bozza relativa alle misure per potenziare la competitività delle imprese italiane sul fronte dell’energia, del credito e dell’innovazione (decreto “Fare-bis”), si proporrebbe d’innescare un circolo virtuoso che favorirebbe,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU