X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Costi deducibili solo con «idonea» prova documentale

/ Alessandro BORGOGLIO

Lunedì, 7 ottobre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

La sentenza della C.T. Reg. di Roma n. 196/37/13 offre l’occasione per ribadire un importante principio fiscale talvolta dimenticato dagli operatori: la deducibilità dei costi è condizionata, innanzitutto, dalla sussistenza del requisito di inerenza, il quale deve essere provato dal contribuente, salvo le particolari ipotesi di costi intrinsecamente riconducibili all’attività (cfr. Cass. 3340/2013).

Uno dei rilievi fiscali che più frequentemente si riscontra nei PVC e negli avvisi di accertamento del Fisco è quello relativo all’indeducibilità dei costi non documentati: in assenza di idoneo materiale documentale di supporto, infatti, il componente negativo di reddito non risulta assistito da quel requisito di inerenza di cui all’art. 109, comma 5 del TUIR, che costituisce ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU