Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 11 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Acconti di novembre al test del previsionale

Rilevano le disposizioni, di favore e non, applicabili nel calcolo dell’imposta dovuta per il 2013

/ Luca FORNERO

Venerdì, 8 novembre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Per i contribuenti che, nel 2013, prevedono una riduzione del reddito (o maggiori oneri deducibili o detraibili e/o maggiori crediti d’imposta spettanti), è possibile diminuire, anche fino ad annullare, il versamento degli acconti per il periodo d’imposta in corso, sulla base del c.d. “metodo previsionale”, invece di utilizzare il riferimento dell’imposta dovuta per l’anno precedente (si veda “Per il secondo acconto 2013 slalom tra nuove percentuali e obblighi di ricalcolo” del 4 novembre 2013).

Ovviamente, l’esercizio della facoltà di riduzione deve tenere conto del fatto che il reddito per il periodo d’imposta 2013, rispetto a quello del periodo precedente, è influenzato dall’applicabilità al medesimo di modifiche della disciplina ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU