Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 30 giugno 2022 - Aggiornato alle 6.00

CONTABILITÀ

Dall’IRDCEC linee guida per il calcolo della Posizione finanziaria netta

Il documento 22 dell’Istituto presenta anche gli indici più usati per il cui computo si ricorre alla PFN

/ Stefano DE ROSA

Venerdì, 8 novembre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 2428 c.c. dà risalto (al secondo comma) all’importanza dell’utilizzo di indicatori di  performance nell’ambito dell’analisi della situazione economico, patrimoniale e finanziaria della società in sede di predisposizione della Relazione sulla gestione da parte degli amministratori.
Tra i suddetti indicatori particolare attenzione ha acquisito, di recente, la cosiddetta Posizione finanziaria netta (“PFN”), variabile che permette di appurare l’effettiva posizione debitoria di un’azienda in un dato istante.

Nella dottrina e nella prassi contabile sono rinvenibili svariate posizioni interpretative che hanno condotto alla formulazione di differenti configurazioni di PFN. Peraltro, il margine di discrezionalità lasciato al redattore del bilancio ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU