X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 14 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per la raccolta di pubblicità on line, indicatori di profitto «specifici»

Un emendamento al Ddl. di stabilità dispone che gli indicatori utilizzabili per tale attività siano diversi da quelli per la fornitura di servizi on line

/ Piergiorgio VALENTE e Salvatore MATTIA

Giovedì, 19 dicembre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Uno degli emendamenti al Ddl. di stabilità, che ha ottenuto il via libera dalla Commissione Bilancio della Camera e che da ieri è all’esame dell’Aula, introduce un’interessante novità in materia di prezzi di trasferimento (art. 110 comma 7 del TUIR), con particolare riguardo alle società operanti nel settore della raccolta di pubblicità on line e dei servizi ad essa ausiliari.

In sintesi, i suindicati contribuenti dovranno determinare il proprio reddito d’impresa, per la parte derivante da operazioni infragruppo, secondo “indicatori di profitto diversi da quelli applicabili per lo svolgimento della propria attività”.

Va necessariamente ricordato che, ai fini della determinazione del prezzo di libera concorrenza (at arm’s length) da applicarsi alle transazioni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU