Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 30 novembre 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Prezzo valore anche per gli immobili comprati all’asta

Dichiarata illegittima la norma sulla definizione della base imponibile dell’imposta di registro, nella parte in cui è inapplicabile all’espropriazione

/ Anita MAURO

Venerdì, 24 gennaio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

La norma sul “prezzo valore” è incostituzionale nella parte in cui non prevede la facoltà di applicare tale metodo di definizione della base imponibile delle imposte di registro, ipotecaria e catastale, in presenza delle condizioni di legge, anche in caso di acquisto effettuato in sede di espropriazione forzata o a seguito di pubblico incanto.
Questo ha deciso la Corte Costituzionale, con la sentenza 6/2014, depositata ieri.

Si ricorda che il “prezzo valore” è il regime agevolato di determinazione della base imponibile rilevante ai fini delle imposte di registro, ipotecaria e catastale, introdotto dall’art. 1, comma 497 della L. 266/2005.

In base a tale regime agevolato, su semplice richiesta da rendere al notaio e da recepire nell’atto, l’acquirente può ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU