Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 giugno 2022

FISCO

Prezzo valore anche per gli immobili comprati all’asta

Dichiarata illegittima la norma sulla definizione della base imponibile dell’imposta di registro, nella parte in cui è inapplicabile all’espropriazione

/ Anita MAURO

Venerdì, 24 gennaio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

La norma sul “prezzo valore” è incostituzionale nella parte in cui non prevede la facoltà di applicare tale metodo di definizione della base imponibile delle imposte di registro, ipotecaria e catastale, in presenza delle condizioni di legge, anche in caso di acquisto effettuato in sede di espropriazione forzata o a seguito di pubblico incanto.
Questo ha deciso la Corte Costituzionale, con la sentenza 6/2014, depositata ieri.

Si ricorda che il “prezzo valore” è il regime agevolato di determinazione della base imponibile rilevante ai fini delle imposte di registro, ipotecaria e catastale, introdotto dall’art. 1, comma 497 della L. 266/2005.

In base a tale regime agevolato, su semplice richiesta da rendere al notaio e da recepire nell’atto, l’acquirente può ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU