X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 7 maggio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Neanche il fallimento salva dall’omesso versamento delle ritenute previdenziali

Per la Cassazione la circostanza che mostra il reale stato di crisi non giustifica il precedente mancato pagamento degli oneri previdenziali

/ Ciro SANTORIELLO

Martedì, 4 febbraio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Niente da fare. La Cassazione non si piega alle ragioni della crisi e torna a misconoscere ogni rilevanza alla circostanza che l’imprenditore asserisca di non aver potuto assolvere al pagamento degli oneri previdenziali in ragione delle pessime condizioni economiche in cui versava la sua azienda al momento dei fatti.

Su ricorso del pubblico ministero avverso una sentenza che aveva mandato assolto dall’accusa di omesso versamento delle ritenute previdenziali per mancanza dell’elemento soggettivo del reato, atteso che nel periodo in contestazione la società amministrata dall’imputato versava in pessime condizioni economiche, poi culminate in una dichiarazione di fallimento, la Cassazione con la decisione n. 3705 del 2014 ribadisce che, a fronte della contestualità ed indefettibilità ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU