X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 settembre 2021 - Aggiornato alle 11.50

FISCO

Accertamento anticipato legittimo in presenza di frodi fiscali

La riscontrata presenza di reiterate condotte penali tributarie, per la Cassazione, rappresenta un valido motivo di urgenza

/ Alessandro BORGOGLIO

Giovedì, 6 febbraio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il coinvolgimento del contribuente in una frode fiscale può costituire una di quelle ragioni d’urgenza che legittimano l’emissione anticipata dell’avviso di accertamento. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, con la sentenza 2587 di ieri, 5 febbraio.

Il tema è ormai quello noto dell’atto impositivo notificato prima del decorso di sessanta giorni dal rilascio del PVC sul quale si fonda, in violazione dell’art. 12, comma 7 dello Statuto del Contribuente (L. 212/2000). Le Sezioni Unite, ponendo fine alla vexata quaestio circa la legittimità di tali atti emessi ante tempus, hanno stabilito che detti avvisi di accertamento sono nulli, se non vi sono ragioni di motivata urgenza che abbiano indotto il Fisco ad adottare anticipatamente il provvedimento rispetto al termine ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU