Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 6 febbraio 2023 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

I sindaci devono contrastare l’uso indebito del loro nome

In caso di accettazioni fasulle, la Corte d’Appello di Campobasso sottolinea l’obbligo di intraprendere tutte le iniziative per evitare responsabilità

/ Maurizio MEOLI

Venerdì, 7 marzo 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

A fronte dell’iscrizione nel Registro delle imprese della nomina del collegio sindacale in assenza di qualsiasi accettazione, i sindaci, onde evitare rischi di coinvolgimento in successive azioni di responsabilità, devono porre in essere tutte le iniziative necessarie per contrastare l’uso indebito ed illecito del proprio nome, quali la presentazione di una denunzia-querela per i delitti di cui agli artt. 494 e 485 c.p. e l’esercizio di un’azione civile per la cancellazione dell’iscrizione della nomina. A precisarlo è la Corte d’Appello di Campobasso nella sentenza del 15 febbraio 2014.

Nel caso di specie, esemplificando la complessa vicenda, la Alfa srl con due soci al 50%, anteriormente alla riforma del diritto societario, decideva di aumentare il capitale ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU