Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 11 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Nell’adesione al «PVC», accettazione «integrale» anche per l’Agenzia

/ Alfio CISSELLO

Mercoledì, 19 marzo 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Tempo fa avevamo evidenziato come, in determinate circostanze, sia possibile ritenere impugnabile l’atto di definizione dell’accertamento parziale, emesso a seguito di comunicazione di adesione al verbale di constatazione (si veda “Adesione ai PVC, lecito il riconoscimento dei costi legati ai ricavi accertati” del 29 agosto 2012).

Per effetto dell’art. 5-bis del DLgs. 218/97, il contribuente può prestare adesione integrale al contenuto del “PVC” inviando, entro i trenta giorni successivi alla consegna del verbale, apposita comunicazione di adesione sia alla Guardia di Finanza, sia all’Agenzia delle Entrate.
Nei successivi sessanta giorni, l’Agenzia delle Entrate notifica l’atto di definizione dell’accertamento parziale, dopodiché ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU