X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 27 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Con risoluzione della compravendita, niente plusvalenza da cessione d’azienda

Secondo la Suprema Corte, nonostante l’iniziale conclusione del contratto, non è stato di fatto incassato l’importo relativo alla cessione

/ Pamela ALBERTI

Venerdì, 14 marzo 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Cassazione, con l’ordinanza n. 5876 di ieri, afferma, contrariamente ad alcuni precedenti interventi, che in caso di cessione d’azienda e successiva risoluzione del contratto non emerge alcuna plusvalenza imponibile in capo al cedente, qualora non sia stato incassato il relativo corrispettivo.

Nella fattispecie in esame, il cedente aveva inizialmente concluso un contratto di cessione d’azienda, incassando parte del prezzo ed ottenendo per la restante parte effetti bancari, mai onorati; di conseguenza, cedente e cessionario si erano accordati per la risoluzione del suddetto contratto.
La Commissione tributaria regionale del Lazio aveva accolto l’opposizione del cedente con riferimento all’avviso di accertamento relativo alla plusvalenza da cessione d’azienda ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU