X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per la fatturazione differita nei servizi, conta la documentazione commerciale

Secondo l’Agenzia, dalla documentazione devono emergere con certezza la prestazione, la data di effettuazione e le parti contraenti

/ Luisa CORSO

Mercoledì, 2 luglio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Tra le risposte a quesiti fornite dall’Agenzia delle Entrate in materia di obblighi di fatturazione, nella seconda parte della circolare 24 giugno n. 18 figurano chiarimenti sulla documentazione idonea per la fatturazione differita, nonché sui casi in cui è possibile avvalersi del beneficio.

L’art. 21 comma 4 lett. a) del DPR 633/72, come modificato dalla L. 228/2012, ammette la possibilità di avvalersi della fatturazione differita, entro il 15 del mese successivo a quello in cui l’operazione è effettuata, prima prevista solo per le sole cessioni di beni, anche nel caso di prestazioni di servizi, purché “individuabili attraverso idonea documentazione”.

Sotto quest’ultimo profilo, posto che il legislatore nazionale, al pari di quello comunitario, non ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU