X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

FISCO

Fattura e contratto non sono sufficienti per la deduzione

L’Amministrazione finanziaria deve però dimostrare con elementi probatori anche di tipo presuntivo che le operazioni non sono state mai poste in essere

/ Alessandro BORGOGLIO

Mercoledì, 2 luglio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Dinnanzi a fatture generiche, sprovviste dei requisiti di cui all’art. 21 del DPR 633/1972, in base al quale, tra l’altro, esse devono recare la natura, qualità e quantità dei beni o servizi oggetto di fatturazione, l’Amministrazione finanziaria ha due possibilità di accertamento: disconoscere i costi afferenti a detti documenti, facendo leva sulla violazione del principio di inerenza di cui all’art. 109, comma 5 del TUIR, oppure pervenire sostanzialmente allo stesso risultato, ma passando attraverso la contestazione dell’utilizzo di fatture per operazioni oggettivamente inesistenti.

A ben vedere, in entrambi i casi, la norma su cui s’impernia la pretesa fiscale, ai fini delle imposte dirette, è la stessa, ovvero l’art. 109, comma 5, già citato, ma vi ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU