ACCEDI
Domenica, 16 giugno 2024

PROFESSIONI

Sanzioni penali per il professionista che nega la documentazione al cliente

Il dolo può venire ravvisato nell’ostinazione del rifiuto di consegna di documenti pertinenti all’incarico una volta revocato

/ Vincenzo PACILEO

Mercoledì, 23 luglio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

La sentenza n. 31192 della Cassazione depositata il 16 luglio riguarda specificamente un amministratore di condominio, ma la fattispecie è estensibile a qualunque professionista che non ottemperi alla richiesta del cliente di restituire la documentazione pertinente all’incarico una volta che esso sia stato revocato (si veda Cass. 26820/2008 relativa a un avvocato).

L’ipotesi di reato che viene in primo luogo a configurarsi è quella di appropriazione indebita (art. 646 c.p.), aggravata dall’abuso di prestazione d’opera (art. 61 n. 11 c.p.), aggravante che trasforma l’ordinaria procedibilità a querela in procedibilità d’ufficio (con la conseguenza che il denunciante potrà validamente rivolgersi alla autorità giudiziaria anche oltre il termine di tre mesi ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU