X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La cessione d’azienda preclude la deduzione degli ammortamenti

Occorre non soltanto l’effettiva strumentalità dei beni, ma anche la loro utilizzazione in funzione direttamente strumentale all’esercizio d’impresa

/ Alessandro BORGOGLIO

Lunedì, 28 luglio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Una società non può dedurre le quote di ammortamento relative ai beni strumentali di un’azienda ceduta ad un soggetto terzo. È quanto si desume dalla sentenza della Corte di Cassazione n.  13807 del 18 giugno 2014.

Dai fatti di causa emerge che una snc aveva ceduto all’inizio del 1999 la sua azienda e, quindi, successivamente era stata posta in liquidazione, presentando per tale periodo (da dopo la cessione d’azienda fino alla fine del periodo d’imposta) una dichiarazione dei redditi in cui erano stati indicati, tra l’altro, la plusvalenza derivante dalla cessione d’azienda, nonché gli ammortamenti residui relativi ad avviamento e beni materiali. Il Fisco, però, aveva ripreso a tassazione tali quote di ammortamento, ritenendo che le stesse non fossero ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU