X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il registro all’1% torna al vaglio della Corte Costituzionale

La Provinciale di Trapani ripropone la questione di legittimità costituzionale in passato ritenuta inammissibile

/ Anita MAURO

Lunedì, 28 luglio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Commissione Tributaria di Trapani non si arrende e ripropone alla Corte Costituzionale la questione di legittimità dell’aliquota dell’imposta di registro all’1% per le cessioni a favore di imprese di rivendita immobiliare, sebbene tale aliquota sia stata ormai cancellata dai tagli di agevolazioni operati con decorrenza dal 1° gennaio 2014.

Come illustrato su Eutekne.info (“Registro all’1% a rischio di illegittimità costituzionale” del 20 luglio 2012), la C.T. Prov. Trapani, con l’ordinanza 9 febbraio 2012 n. 138, aveva sollevato di fronte alla Corte Costituzionale questione di legittimità costituzionale dell’allora vigente art. 1, comma 1, sesto periodo della Tariffa, parte I, allegata al DPR 131/86, per violazione dell’art. 3 della Costituzione. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU