X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Non imponibilità delle cessioni intra «salva» anche con codice IVA errato

La mancanza del codice corretto non può far venir meno l’esenzione, se il cedente prova tutti i requisiti sostanziali della cessione intracomunitaria

/ Alessandro BORGOGLIO

Mercoledì, 30 luglio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Non viene meno la non imponibilità IVA delle cessioni intracomunitarie nel caso in cui il cedente italiano abbia indicato nella fattura emessa un codice identificativo IVA del cessionario europeo non corretto, se sussistono comunque gli elementi sostanziali della cessione intracomunitaria. Lo ha stabilito la Cassazione con la sentenza 17254 di ieri.

L’art. 138 della Direttiva 2006/112/CE dispone che sono esenti da IVA le cessioni di beni spediti o trasportati, fuori del loro rispettivo territorio ma nella Comunità, dal venditore, dall’acquirente o per loro conto, effettuate nei confronti di un altro soggetto passivo che agisce in quanto tale in uno Stato membro diverso dallo Stato membro di partenza della spedizione o del trasporto dei beni.
Ai sensi del successivo art. 214 sono identificati ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU