X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Niente sanzioni per gli errori sugli sconti delle concessionarie auto

La Corte di Cassazione applica lo Statuto del contribuente se risulta difficoltoso inquadrare sotto il profilo fiscale la natura del «bonus»

/ Gianluca ODETTO

Mercoledì, 30 luglio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’ordinanza n. 17250 del 29 luglio 2014, la Corte di Cassazione ha stabilito che, per le irregolarità nella fatturazione degli sconti, concessi dalle case automobilistiche alle concessionarie, non sono dovute sanzioni per obiettiva incertezza sulla portata e sull’ambito di applicazione della norma (art. 10 comma 3 della L. 212/2000).

Per valutare appieno i riflessi della pronuncia della Suprema Corte e, soprattutto, le casistiche nelle quali i relativi principi potranno essere fatti valere in sede contenziosa o precontenziosa, occorre brevemente richiamare il contesto nel quale l’ordinanza è stata emanata.

In questo senso, va ricordato come gli sconti praticati dalle case automobilistiche siano normalmente classificati in due categorie distinte: da una parte i c.d. “ ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU