ACCEDI
Martedì, 21 maggio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La stipula del contratto preliminare non evita la decadenza dalla prima casa

Lo ha chiarito la Cassazione, ricordando che il preliminare non ha effetti reali

/ Anita MAURO

Mercoledì, 30 luglio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

La stipula del contratto preliminare di acquisto di un’abitazione, entro un anno dall’alienazione infraquinquennale della prima casa, non è idonea ad evitare la decadenza dall’agevolazione.
Lo ha ribadito la Corte di Cassazione, nell’ordinanza 29 luglio 2014 n. 17151.

Si ricorda che, tra le cause di decadenza dall’agevolazione prima casa, la nota II-bis all’art. 1 della Tariffa, parte I, allegata al DPR 131/86 individua anche il trasferimento, a titolo oneroso o gratuito, degli immobili acquistati con l’agevolazione, prima del decorso del termine di 5 anni dalla data del loro acquisto.
Tuttavia – precisa la norma – la decadenza può essere evitata se il contribuente, entro un anno dall’alienazione dell’immobile acquistato con i benefici “prima ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU