X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Nella confisca di prevenzione, proventi dell’evasione fiscale indeducibili

Le Sezioni Unite precisano che rilevano anche tali proventi per individuare il presupposto della sproporzione tra beni posseduti e attività economiche

/ Maurizio MEOLI

Mercoledì, 30 luglio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ai fini della c.d. confisca di prevenzione, di cui al vigente art. 24 del DLgs. 159/2011 (già art. 2-ter della L. 575/1965), per individuare il presupposto della sproporzione tra i beni posseduti e le attività economiche del soggetto socialmente pericoloso, deve tenersi conto anche dei proventi dell’evasione fiscale. In pratica, i proventi dell’evasione fiscale non sono deducibili al fine di giustificare la sproporzione. A precisarlo sono le Sezioni Unite della Suprema Corte nella sentenza 29 luglio 2014 n. 33451.

Ai sensi dell’art. 24 comma 1 del DLgs. 159/2011 (Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione), il Tribunale dispone la confisca dei beni sequestrati di cui la persona socialmente pericolosa non possa giustificare la legittima provenienza e di cui, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU