X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

IL CASO DEL GIORNO

Veridicità dei dati aziendali, controlli sostanziali dell’attestatore

/ Michele BANA

Giovedì, 11 settembre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il professionista indipendente di cui all’art. 67, comma 3, lett. d) del RD n. 267/1942, nominato dal debitore in stato di crisi, deve verificare, in primo luogo, se sussistono i presupposti per asseverare la veridicità dei dati aziendali su cui si fonda il piano di risanamento o di concordato preventivo, o l’accordo di ristrutturazione dei debiti, comprese le passività: non può limitarsi ad una mera dichiarazione in ordine alla corrispondenza tra gli elementi utilizzati per la redazione del piano e quelli desumibili dalla contabilità generale e aziendale.

L’attendibilità delle scritture contabili e dei libri sociali, nonché dei bilanci d’esercizio chiusi negli anni precedenti può, infatti, essere desunta anche mediante un controllo incrociato delle esposizioni debitorie, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU