X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Compensazioni «fuori» dall’IVA di gruppo

L’Amministrazione finanziaria non può «compensare» l’IVA a credito della capogruppo con altri tributi dovuti dalle controllate

/ Emanuele GRECO

Giovedì, 2 ottobre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 20708, depositata ieri, 1° ottobre 2014, la Corte di Cassazione ha disconosciuto il diniego al rimborso IVA che l’Amministrazione aveva opposto alla controllante di un gruppo IVA, in virtù dei “controcrediti” vantati dagli Uffici nei confronti delle società controllate, per tributi diversi dall’IVA (e relativi interessi e sanzioni).
In primo luogo, va osservato che una siffatta forma di compensazione tributaria appare del tutto difforme al sistema dell’IVA di gruppo, la cui disciplina consente di “annullare”, all’interno del gruppo, le sole posizioni creditorie e debitorie risultanti dalle liquidazioni IVA.

Eppure, l’Amministrazione finanziaria, per gli anni di imposta 2001 e 2002, aveva provveduto a “compensare” ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU