X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Esenzione «salva» con partita IVA valida al momento della cessione intra-Ue

Per la Corte di Giustizia, la successiva cancellazione retroattiva della partita IVA del cessionario non può rimettere in discussione la non imponibilità

/ Barbara ROSSI e Fabio Tullio COALOA

Venerdì, 10 ottobre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Se, al momento della cessione intracomunitaria, la partita IVA del cessionario Ue risulta valida nella banca dati VIES, la sua successiva cancellazione retroattiva (e conseguente modifica dei dati contenuti in detta banca dati) non può rimettere in discussione, in presenza di tutti gli elementi sostanziali che caratterizzano l’operazione, la non imponibilità dell’operazione. È quanto affermato dalla Corte di Giustizia UE nella sentenza di ieri, 9 ottobre 2014, relativa alla causa C-492/13 (Traum EOOD) .

Nel caso di specie, una società bulgara operante nel settore dei lavori generali di costruzione di edifici e di opere edili, nella dichiarazione IVA 2009 dichiarava di aver effettuato delle cessioni intracomunitarie di beni, esentate dall’IVA, nei confronti di una società greca ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU