X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 settembre 2021 - Aggiornato alle 11.50

FISCO

CNDCEC contro la voluntary disclosure: «Procedure complesse e onerose»

Le simulazioni effettuate dalla Fondazione di categoria dimostrano che il costo delle operazioni può sfiorare anche il 100% del capitale

/ Savino GALLO

Mercoledì, 10 dicembre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

A cinque giorni di distanza dalla definitiva approvazione in Senato del relativo disegno di legge (si veda “Il Senato approva definitivamente la voluntary disclosure” del 5 dicembre), i commercialisti tornano a mettere in guardia sul “rischio flop” delle procedure di collaborazione volontaria per il rientro dei capitali illecitamente costituiti e detenuti all’estero. Questa volta, lo fanno con numeri e simulazioni effettuate dalla Fondazione nazionale di categoria (FNC), che dimostrano come i costi complessivi dell’operazione, in alcuni casi, possano essere talmente onerosi da scoraggiare i contribuenti all’adesione, nonostante la prospettiva di poter ottenere dei benefici dal punto di vista penale.

I costi, infatti, sono legati a diverse variabili quali

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU